Rid bancario: Cos'è e come funziona

Fabio Beccari
26.04.21
4 minuti di lettura

Il RID bancario è uno strumento di pagamento mediante il quale si autorizza la propria banca ad accettare gli ordini di addebito di un determinato creditore. Il pagamento tramite RID bancario — oggi denominato “addebito diretto” — consente di far fronte in automatico e senza ritardi a scadenze ricorrenti come utenze, affitto, mutuo o rate dell’auto. In questo articolo vedremo tutto quello che c’è da sapere sul RID bancario e sull’addebito diretto unico europeo (ADUE), che dal 2014 lo ha sostituito. Indicheremo inoltre come risparmiare sui pagamenti in valuta estera con Wise.

Risparmia con Wise! 💰

In questa guida vedremo:

Cos’è il RID bancario?

Cosa significa RID? Il termine sta per “rapporto interbancario diretto”. In sostanza il RID è un servizio bancario tramite cui il titolare di un conto corrente autorizza la propria banca ad accettare gli addebiti da parte di uno specifico soggetto.

RID e addebito diretto

Il termine “RID bancario” è ancora usato nella pratica, ma più correttamente si dovrebbe parlare di “addebito diretto”. Infatti a partire dal 1° febbraio 2014, l’addebito RID è stato sostituito dall’addebito diretto SEPA o SEPA Direct Debit (in breve, “SDD”). Attualmente quindi l’SDD è lo strumento per gestire gli incassi in euro in tutta l’area SEPA.

Anche i pagamenti tramite bonifico sono stati uniformati all’interno dell’Eurozona con l’introduzione del bonifico SEPA che, a differenza del bonifico in valuta estera, ha gli stessi costi e tempi di accredito di un bonifico nazionale.

Come funziona il RID bancario

L’addebito automatico sul conto bancario tramite RID o SDD è possibile per i pagamenti singoli, ma più frequentemente viene utilizzato per quelli periodici. Grazie a una delega permanente l’importo dovuto viene prelevato dal conto del debitore e trasferito al creditore.

Vantaggi e svantaggi del RID

Alcune aziende richiedono obbligatoriamente il pagamento tramite addebito diretto per l’erogazione di determinati servizi; questo per ottenere pagamenti automatici e quindi una maggiore liquidità.

Anche per i debitori l’automazione dei pagamenti può risultare vantaggiosa. Permette di risparmiare tempo, e di evitare eventuali insoluti e interessi di mora.

Tuttavia, un possibile rischio per i debitori è l’addebito di importi superiori al previsto. Ad esempio, una bolletta inaspettatamente elevata potrebbe prosciugare il conto corrente del debitore, provocando anche l’interruzione del servizio non pagato e facendo maturare ulteriori spese.

Perciò, anche nel caso di pagamento automatico tramite RID o addebito diretto, è essenziale verificare regolarmente le fatture inviate dal creditore provvedendo in anticipo alle eventuali contestazioni e, se necessario, bloccando il RID (più avanti vedremo come fare).

Proprio per agevolare tali verifiche è previsto che il creditore debba inviare una prenotifica degli addebiti. Questa può consistere, ad esempio, nell’invio della fattura o della bolletta.

Quanto costa fare un RID bancario?

Il costo di un RID bancario dipende dalle condizioni previste nel contratto di conto corrente. L’operazione può essere gratuita o soggetta a una piccola tariffa. Alcune banche includono nel canone mensile del conto corrente un certo numero di RID.

Per verificare i costi basta consultare il Foglio informativo del conto corrente; naturalmente non si dovrà cercare il “costo RID bancario” ma piuttosto occorrerà individuare la tariffa prevista per l’addebito diretto.

Come si blocca un RID bancario?

Per esercitare il diritto di opposizione in presenza di una contestazione — ad esempio, se il servizio da pagare non è stato erogato — occorre contattare la propria banca e bloccare il RID entro il giorno precedente a quello in cui è programmato l’addebito.

Ma può essere necessario bloccare un RID anche per altri motivi. Ad esempio:

  • Si può avere necessità di modificare il proprio metodo di pagamento continuando a usufruire del servizio. In tal caso occorrerà contattare il creditore.
  • Si può voler revocare la delega alla banca, ad esempio perché non si usufruisce più del servizio. In questo caso basterà accedere all’home banking e andare nella sezione relativa ai pagamenti, dove sarà possibile visualizzare e annullare la domiciliazione.

A favore dei clienti consumatori è anche prevista la c.d. “facoltà di storno” dell’addebito diretto. In sostanza, se il mandato non precisava l’importo dell’operazione di pagamento e quest’ultimo è più elevato del solito, è possibile chiedere il rimborso entro 8 settimane.

In ogni caso, per le operazioni non autorizzate a causa di un mandato non valido o inesistente è possibile richiedere il rimborso entro 13 mesi dalla data dell’addebito.

Rispetto al vecchio RID bancario, le nuove regole SEPA prevedono una maggiore tutela per i clienti consumatori, che tra l’altro possono:

  • Dare istruzioni alla propria banca di bloccare tutte le richieste di addebito diretto sul proprio conto
  • Redigere liste di creditori indesiderati o di creditori da cui accettare richieste di addebito
  • Fissare importi massimi o specifiche periodicità per l'incasso degli addebiti

Di solito sono previsti dei costi sia per la revoca che per il rimborso di un RID bancario. È possibile verificare l’importo (che può variare da banca a banca) sul Foglio informativo del proprio conto corrente.

Risparmia sui tuoi pagamenti con Wise

Con un conto multivaluta Wise sei libero di impostare gratuitamente addebiti diretti in EUR e GBP.

wise-app

Wise è un conto multivaluta senza canone che ti consente di gestire il denaro in più valute senza spendere cifre astronomiche per la conversione da una valuta all’altra. Infatti converte il denaro al tasso di cambio reale — quello indicato su Google — senza applicare maggiorazioni o commissioni nascoste.

Ecco i principali vantaggi di Wise:

  • Non prevede spese fisse
  • Consente di detenere e convertire 55 valute
  • Offre il cambio al tasso medio di mercato senza maggiorazioni
  • Applica commissioni basse e trasparenti per i bonifici esteri
  • Consente la ricezione gratuita di bonifici esteri tramite IBAN dedicati in EUR, USD, GBP, CAD, AUD, NZD, SGD, TRY, HUF, RON
  • Offre una carta multivaluta Mastercard per effettuare pagamenti online e offline senza commissioni in tutte le valute del conto

In conclusione, per risparmiare sui pagamenti e sugli addebiti diretti non devi fare altro che iniziare a utilizzare Wise.


Dati aggiornati al 24 aprile 2021

Questa pubblicazione è unicamente fornita a scopo illustrativo e non intesa a ricoprire ogni aspetto dell'argomento trattato. Non è da considerarsi come fonte di consigli su cui fare affidamento. Chiedi consiglio a un professionista o specialista prima di effettuare, o meno, scelte sulla scorta del contenuto di questa pubblicazione. Le informazioni qui fornite non costituiscono consulenza legale, fiscale o suggerimento professionale alcuno da parte di Wise o affiliati. I risultati ottenuti in precedenza non garantiscono un esito simile. Non rilasciamo espressamente o implicitamente alcuna garanzia o dichiarazione circa la accuratezza, completezza o affidabilità del contenuto di questa pubblicazione.

Wise è il nuovo modo intelligente per inviare denaro all'estero.

Scopri di più

Suggerimenti, notizie e aggiornamenti per la tua posizione